IDEE per un Programma di Catechismo
Catechesi

1 ) Programmare il corso di catechismo come un viaggio a tappe, che poi è l' esperienza stessa fatta da Gesù nella sua predicazione: Gesù che ci trasmette il Vangelo mentre cammina per le vie della Palestina.

2) Ogni tappa deve avere dei contenuti e dei segni propri e ci si "sposta" tutti insieme come classe: nessuno deve rimanere a Nazaret se tutto il gruppo è arrivato a Cana.

3) Chi non "partecipa" allo spostamento (= le assenze) non può prendere parte alla tappa successiva se prima non avrà recuperato i valori raggiunti dagli altri. Da qui la necessità che ogni ragazzo sia seguito "personalmente" dal catechista e/o dai genitori. Se si riesce ad avere con i genitori un dialogo aperto e franco (non interessato alla sacramentalizzazione!) non sarà necessario essere fiscali.

4) Si deve cominciare con un incontro tra Genitori e Catechisti (classe per classe); possono essere presenti anche i ragazzi. Non si accettano al catechismo i ragazzi dei quali prima non abbiamo incontrato i Genitori: è quindi necessario che tutti i Genitori partecipino a questo incontro. Si deve far capire che il ruolo dei Genitori è determinante altrimenti continueremo ad avere il loro disinteresse (salvo che nei momenti di ammissione ai sacramenti) e i ragazzi continueranno a collezionare assenze, soprattutto alle celebrazioni, determinate dai più svariati motivi (sport, sonno, visita ai cimiteri, ai nonni ecc... ): il catechista aiuta i genitori, non li sostituisce, neanche in parte.

5) I Genitori devono capire e di conseguenza prendere atto che i responsabili dell' educazione religiosa dei propri figli sono loro (vedi rito del matrimonio) ed i catechisti sono delegati e la Comunità si fa carico della responsabilità dei Genitori e della delega ai Catechisti: è quindi necessario un continuo dialogo tra le tre realtà: Genitori, Catechisti e Parroco (= responsabile della Comunità).

6) Il Catechismo non ha la funzione di condurre i ragazzi ai vari sacramenti, ma di insegnare loro il messaggio di Gesù: "La buona notizia del Regno". Non ci saranno quindi promossi o bocciati, ma solo ragazzi che hanno percorso determinate tappe e altri che ancora sono in cammino. Questa visione del cammino catechistico va illustrata anche graficamente, in ogni classe, attraverso una grande carta della Palestina (anche se sommaria) appesa alla parete, dipinta dal Catechista, o da chi per lui, dove sia evidenziato il cammino di Gesù attraverso i vari villaggi e i temi che in quel luogo sono stati da lui trattati. Questa carta mostrerà (attraverso bandierine con i nomi dei bambini, o grafici o altro...) il gruppo che cammina verso le tappe intermedie e finali del percorso e coloro che sono rimasti indietro (= assenze) e dove sono rimasti. È chiaro che questi bambini vanno recuperati al più presto ma bene e senza forzature: è importante che i Genitori collaborino al recupero dei percorsi arretrati e non si permetta in modo assoluto a nessun ragazzo di essere inserito in una tappa alla quale non è ancora arrivato. Un conto è la disponibilità al recupero dei ritardatari (fino al punto di fermare gli altri, se creduto opportuno, fino anche a lasciarli a casa - cioé senza fare catechismo per quel giorno!), altra cosa è immetterli in un punto della strada che non hanno ancora raggiunto!

7) È necessario che i ragazzi siano coinvolti sia dall'ambiente geografico e storico del messaggio che dai segni e soprattutto dal contenuto di questi.
Per rendere al vero l'ambiente geografico, si utilizzino i luoghi che la parrocchia o le sue vicinanze offrono (collina - lago - fiume - ruscello - chiesa/sinagoga - prati ecc... ). Per l'ambiente storico si preparino animazioni, possibilmente con costumi (anche di carta), recite, mimi, ecc... Per quanto riguarda i segni, ci si affidi (è quasi sempre possibile) a quelli che propone il Vangelo per la circostanza in oggetto, oppure se ne cerchino altri che aiutino i bambini a fermare bene e a "tradurre in modo di vivere" la realtà "significata".

Usare i mezzi audiovisivi ma non affidarsi "esclusivamente" ad essi. Meglio la realtà, anche se "povera"!

8) Se i ragazzi continuano a venire perché forzati ("altrimenti non fai la Confessione/Comunione/la Cresima!") vuol dire che il metodo che stiamo usando va ulteriormente aggiornato e calato meglio nella realtà "personale" di ciascuna classe.

9) Non dimenticare mai il fine da raggiungere con il cammino catechistico: la conoscenza di Gesù e del suo messaggio e come tradurlo in modo di vivere.

Non è invece fine del cammino catechistico ricevere questo o quel sacramento.

Questo vuol dire che, se il cammino catechistico non si concluderà con prima Confessione, prima Comunione e Cresima, non per questo è un fallimento, se siamo riusciti a far camminare i ragazzi verso la meta prefissata. Sarà invece un fallimento se avremo perso qualcuno per strada o se di strada non ne avremo percorsa niente o quasi!

10) Come fare in pratica.

a - Formare Catechisti interessati al cammino catechistico proposto.

Discutere con loro il modo migliore di attuarlo, preparare le lezioni con grande cura. Fare anche degli esercizi pratici per familiarizzarsi col metodo. Ascoltare tutte le difficoltà da loro proposte e discuterne insieme, cercando una comune soluzione. Realizzare un gruppo capace e convinto.

b - Fare qualche incontro con i Genitori soprattutto con quelli che hanno bambini del primo anno di catechismo. Spiegare loro con cura tutto il processo educativo del cammino catechistico. Responsabilizzarli sul loro ruolo nell'educazione cristiana dei propri bambini. Offrire tutto il supporto necessario (presenza del catechista, pubblicazioni e altro...) perché questo ruolo possa essere da loro assunto. Far capire bene ai Genitori che le assenze dei loro figli non vanno giustificate perché si dà per scontato che ogni Genitore si fa interamente carico della formazione religiosa del proprio figlio e, comunque non deve pretendere che al Bambino "sia comprato un gelato in un bar di Gerusalemme, se lui si è fermato a Gerico!". In altre parole, tutti i bambini devono percorrere tutte le tappe, non in forma riassuntiva, ma pienamente. Questo comporta classi poco numerose (possibilmente meno di 20 bambini e non di più) e la partecipazione di uno o due vice catechisti per ogni classe, oltre, la naturale partecipazione e coinvolgimento dei Genitori. Anzi la partecipazione alle lezioni da parte dei Genitori può essere di aiuto se ben pilotata, altrimenti può diventare ingombrante e non sempre positiva.

c - Fare un incontro (o più di uno se necessario) con Bambini - Genitori - Catechisti tutti insieme, per dare sicurezza ai Bambini e creare spirito di collaborazione con i Genitori in modo che l'ora di catechismo sia vista come "un momento di educazione familiare".

d - Preparare, insieme ai Bambini, nella prima lezione (potrebbe essere quella insieme anche ai Genitori) la carta del viaggio da intraprendere, con le varie tappe (= lezioni) determinate dai paesi della Palestina dove Gesù è stato, e la meta finale dell'anno catechistico.

Preparare tanti tondini di cartone quanti sono i Bambini della classe e scrivervi sopra i rispettivi nomi e un eventuale simbolo. Si aggiunga un cerchietto con il nome di Gesù e uno per ciascun Catechista e Vice. Questi cerchietti saranno usati per segnare le presenze alle varie tappe e verranno spostati sulla carta dell'itinerario del viaggio via via che il cammino procede. Si saprà così immediatamente a che punto si trova ciascun bambino e diventerà uno stimolo a fare gruppo per camminare tutti insieme con Gesù nel suo viaggio in mezzo agli uomini.

e - I Catechisti in un loro incontro da soli, fisseranno l'argomento di ogni tappa, il contenuto del messaggio da trasmettere, il segno particolare da usare per rendere vivo l'insegnamento. Di questi incontri se ne dovranno fare quanti saranno necessari.

f - Quando un bambino rimane indietro, per qualsiasi motivo, compresi (solo all'inizio dell'anno catechistico!) anche quelli futili, bisogna organizzarne il recupero, con la collaborazione dei Genitori e dei vice catechisti, il più presto possibile: il vedersi posizionato molto lontano dal gruppo, crea nel Bambino un senso di scoraggiamento e la voglia di abbandonare tutto o comunque gli farà perdere l'entusiasmo per il "cammino" catechistico.

Come cominciare

Esempio di prima lezione

A - La Catechista passa dalle case dei bambini, li preleva e li porta alla sala del catechismo. Ripete così in modo "profetico" il gesto di chiamata di Gesù per i discepoli che verrà letto nel Vangelo.

B - La Carta della Palestina (già preparata nella/e riunione precedente) mostra il Nord della Palestina con in evidenza Nazaret e Cafarnao. In un angolo si abbia cura di porre una carta completa della Palestina (formato piccolo, fotocopiata da una delle tante Bibbie) in modo da poter indicare ai Bambini, in modo più corretto, l'ubicazione Geografica del passo del Vangelo che guiderà i nostri passi insieme con Gesù.

C - Fissare alcuni "paletti" del periodo storico (come fa, del resto, ogni tanto anche il Vangelo e come fa sempre, anche se "genericamente": ... in quel tempo. , la liturgia.). Si potrà Dire che la Palestina al tempo di Gesù è conquistata dai soldati romani e che viene governata attravero i rappresentanti dell. imperatore che sta a Roma e che in questo periodo è Tiberio. Siamo circa nell'anno 27. Gli Ebrei, compatrioti di Gesù si sentono oppressi da questo dominio e schiavi dei loro conquistatori e aspettano che finalmente Dio mandi il "Messia" (= unto = incaricato di un compito particolare, come i sacerdoti, i re ed i profeti) per liberarli.

D -Si legge Matteo 4, 12-25

 

  12 Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea 13e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, 14perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:
15Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali, sulla via del mare, al di là del Giordano, Galilea delle genti; 16il popolo immerso nelle tenebre ha visto una grande luce; su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte una luce si è levata.
17Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: "Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino".
18Mentre camminava lungo il mare di Galilea vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano la rete in mare, poiché erano pescatori. 19E disse loro: "Seguitemi, vi farò pescatori di uomini". 20Ed essi subito, lasciate le reti, lo seguirono. 21Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello, che nella barca insieme con Zebedèo, loro padre, riassettavano le reti; e li chiamò. 22Ed essi subito, lasciata la barca e il padre, lo seguirono.

23Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. 24La sua fama si sparse per tutta la Siria e cos“ condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva. 25E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

Integrando con Gv. 1

35 Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: "Ecco l'agnello di Dio!". 37E i due discepoli, sentendolo parlare cos“, seguirono Gesù. 38Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: "Che cercate?". Gli risposero: "Rabb“ (che significa maestro), dove abiti?". 39Disse loro: "Venite e vedrete". Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.

40Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41Egli incontrò per primo suo fratello Simone, e gli disse: "Abbiamo trovato il Messia (che significa il Cristo)" 42e lo condusse da Gesù. Gesù, fissando lo sguardo su di lui, disse: "Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pietro)".

43Il giorno dopo Gesù aveva stabilito di partire per la Galilea; incontrò Filippo e gli disse: "Seguimi". 44Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro. 45Filippo incontrò Natanaèle e gli disse: "Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge e i Profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazaret". 46Natanaèle esclamò: "Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?". Filippo gli rispose: "Vieni e vedi". 47Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: "Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità". 48Natanaèle gli domandò: "Come mi conosci?". Gli rispose Gesù: "Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico". 49Gli replicò Natanaèle: "Rabb“, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!". 50Gli rispose Gesù: "Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!". 51Poi gli disse: "In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo".

Integrando con Lc.4

 

31 Poi discese a Cafarnao, una città della Galilea, e al sabato ammaestrava la gente. 32Rimanevano colpiti dal suo insegnamento, perché parlava con autorità. 33Nella sinagoga c'era un uomo con un demonio immondo e cominciò a gridare forte: 34"Basta! Che abbiamo a che fare con te, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? So bene chi sei: il Santo di Dio!". 35Gesù gli intimò: "Taci, esci da costui!". Eil demonio, gettatolo a terra in mezzo alla gente, usc“ da lui, senza fargli alcun male. 36Tutti furono presi da paura e si dicevano l'un l'altro: "Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi ed essi se ne vanno?". 37E si diffondeva la fama di lui in tutta la regione.

Integrando con Mc.1

  14 Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: 15"Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo".

16Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. 17Gesù disse loro: "Seguitemi, vi farà diventare pescatori di uomini". 18E subito, lasciate le reti, lo seguirono. 19Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. 20Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedèo sulla barca con i garzoni, lo seguirono.

21Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Gesù si mise ad insegnare. 22Ed erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi. 23Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: 24"Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio". 25E Gesù lo sgridò: "Taci! Esci da quell'uomo". 26E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, usc“ da lui. 27Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: "Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono!". 28La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea.

N.B. Non necessariamente si devono leggere tutti e quattro i testi, ma se ne potrà leggere uno che il catechista poi si curerà d'integrare.

 

E . Si faccia notare

- che il libro che parla di Gesù si chiama Vangelo e che è stato scritto da quattro autori che si chiamano evangelisti. Si avrà modo in seguito di parlare più diffusamente del come è nato il Vangelo e di come ci è stato trasmesso e perché è "parola di Dio". Non si diamo ora tante spiegazioni, sarà più semplice farlo in pratica quando se ne presenterà l'occasione.

- che ci sono quattro racconti di questo inizio della predicazione di Gesù.

- che anche la catechista "è passata" e ha chiamato per nome i vari bambini, proprio come Gesù (fare in modo, se possibile, - che qualche amico chiami il proprio amico, proprio come nel Vangelo!)

- Indicare il percorso sulla cartina e spiegare la divisione della Palestina in regioni (Galilea - dove abitava Gesù - Samaria, Giudea - dove è nato - Decapoli - oltre il Giordano, regione dei pagani).

- che si tratta dell. inizio della predicazione di Gesù:

a) quale è il messaggio :

- convertitevi e credete al vengelo (= buona notizia = Dio ama tanto il suo popolo che ha mandato il suo Figlio a liberarlo).

- il regno dei cieli è vicino (regno di Dio): che cosa è il regno dei Cieli?

b) a chi è rivolto il messaggio :

- nella storia e nella geografia

- oggi: quanto siamo coinvolti noi in questo messaggio?

- abbiamo noi mai portato dei messaggi? Quali? Come reagisce chi li riceve?

- oggi, tornando a casa abbiamo qualche messaggio da portare? Quale?

 

 

Concludendo

Queste sono delle idee gettate lì, provocate soprattutto dalla riflessione sulle lamentele generali dei catechisti che dicono che i bambini, in genere, non vanno volentieri al catechismo, non seguono con interesse, mancano facilmente alla messa; i genitori non sono coinvolti, s'interessano al catechismo solo nei momenti immediatamente precedenti l'amministrazione dei sacramenti ai loro figli.
Certo questa è una proposta e quest'anno sarà sperimentata in una Parrocchia. Poi si vedrà.

E se si tentasse anche un coinvolgimento dei Padrini????

Per preparare le lezioni ci si servirà del Catechismo CEI dell'anno corrispondente alla classe che c'interessa, naturalmente non seguendo l'ordine delle pagine ma usando i capitoli secondo il cammino prefissato.

Se avete anche voi proposte da fare o suggerimenti per migliorare ciò che viene qui proposto, servitevi del modulo qui a fianco oppure del mio indirizzo di posta elettronica riportato qui sotto e tutto ciò che proporrete sarà preso in considerazione e proposto a tutti.

P. Alberto Fazzini

Le Beatitudini
Il Buon Samaritano
I Comandamenti
Lupetti
Il grande perchè1
Il grande perchè 2

Programma per il
Catechismo